Domani esercitazione al Maniva

    0

    PASSO MANIVA – In gergo tecnico si chiama “scarico impianti”: domani, sabato 23 ottobre, al Passo Maniva, è in programma un’esercitazione provinciale della V Delegazione del CNSAS. Oltre settanta tecnici, appartenenti alle sette stazioni bresciane (Edolo, Temù, Ponte di Legno, Breno, Media Vallecamonica, Val Sabbia e Val Trompia), metteranno in atto una simulazione di soccorso su una seggiovia quadriposto.

    Il guasto ipotizzato impedirebbe all’impianto di muoversi in autonomia e le persone a bordo sarebbero costrette a restare per molto tempo in condizioni di potenziale pericolo, esposte a basse temperature. Le squadre di soccorso intervengono allora secondo una procedura definita e collaudata, provvedendo all’evacuazione attraverso sistemi specifici , in piena sicurezza, riportando a terra gli sciatori e accompagnandoli fino a quelle posizioni che permetterebbero poi di raggiungere di nuovo il fondovalle, senza alcun tipo di difficoltà.

    I tecnici opereranno a rotazione sugli impianti della società di gestione del Maniva, concentrandosi in particolare sulle seggiovie quadriposto, che sono fra i sistemi più diffusi nei comprensori sciistici della provincia di Brescia. E’ un tipo di esercitazione che di norma si svolge proprio a ridosso dell’inizio della stagione invernale, quando tutte le stazioni turistiche ricominciano la loro attività a pieno ritmo e gli impianti a fune sono sottoposti a un utilizzo intenso. Diventa quindi più probabile il verificarsi di un guasto.

    “Il Soccorso Alpino si sta preparando ad affrontare ogni possibile situazione di emergenza – spiega Valerio Zani, vicepresidente nazionale del CNSAS e delegato della V Zona – e la rotazione sulle diverse stazioni turistiche della provincia di Brescia è in atto ormai da tempo; ogni anno ci muoviamo su territori diversi, per conoscere bene, dal vivo, ogni realtà che compone la nostra provincia e instaurare con le società di gestione contatti e legami di tipo tecnico e pratico, che poi serviranno a risolvere tutti gli eventuali problemi che si dovessero presentare”. Durante l’esercitazione i tecnici utilizzeranno un elicottero per rendere più rapido l’arrivo delle squadre sul luogo dell’evento; una risorsa fondamentale per migliorare l’efficienza dell’operazione, riducendo il disagio dell’utente che si trova bloccato sulla seggiovia. “L’evacuazione di impianti a fune – prosegue Zani – è tuttavia un tipo di intervento che sta diventando sempre più raro, perché la tecnologia di cui dispongono gli impianti bresciani è di prim’ordine. Se comunque dovesse accadere, saremmo in grado di intervenire anche in questo contesto”.

    Sabato 23 ottobre partirà anche la stagione sciistica nel comprensorio di Ponte di Legno – Tonale, con l’apertura degli impianti sul ghiacciaio Presena. Per tutto il periodo turistico, anche quest’anno il Soccorso Alpino sarà presente sulle piste. Gli uomini della V Delegazione Bresciana impegnati saranno una settantina, distribuiti nelle diverse stazioni, in collaborazione con altre realtà civili e militari, che insieme al CNSAS (Corpo Nazionale di Soccorso Alpino e Speleologico) provvedono a garantire la sicurezza di chi frequenta la montagna per gli sport invernali e non solo.

    close
    La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome