La sentenza bresciana presa a modello

    0

    Il Ministero della Pubblica Istruzione deve pagare lo stipendio dei mesi estivi ai precari che vengono licenziati a giugno e riassunti a settembre. Questa la sentenza del Tribunale di Brescia che sta facendo scuola in tutta Italia mettendo paura al Ministero della nostra Mariastella Gelmini.

    Il tribunale di Brescia il 6 ottobre ha accolto la richiesta di risarcimento presentata da una professoressa bresciana (LEGGI LA NOTIZIA DAL NOSTRO SITO), ed ora si stanno moltiplicando le richieste analoghe, come quelle avviate a Padova in merito a un ricorso presentato dal locale sindacato Gilda.

    A cosa puntano ora gli insegnanti brecsiani? Al riconoscimento degli stipendi non percepiti, agli scatti di anzianità (punti in graduatoria) e all’assunzione definitiva dopo tre rinnovi a tempo determinato. Insomma, ciò che metterebbe in ginocchio il Ministero.

    Quanti sono a Brescia gli insegnanti precari? 2637 su 12300 totali.

    close
    La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome