La ripresina c’è, ma non basta. Raddoppiati i disoccupati rispetto al 2008

    0

    La disoccupazione raddoppia rispetto al 2008. Mentre la produzione industriale cresce, ma è ancora ben lontana da recuperare i livelli precedenti alla crisi, tanto che il confronto con il 2007 – l’anno prima della tempesta mondiale – è ancora in passivo del 24 per cento. Sono questi, forse, i dati più significativi presentati ieri mattina da Aib, nel corso dell’annuale conferenza stampa per fare il punto sulla situazione dell’economia bresciana.

    Nel 2010 – come ha spiegato il vicepresidente con delega all’Economia e al Centro studi Alberto Pasotti – la produzione è cresciuta del 6 per cento rispetto all’anno precedente. E a trainare la “ripresina” sono stati soprattutto i settori del metallurgico, del chimico, della gomma, della meccanica tradizionale e dei mezzi di trasporto. Ma tutta la filiera della carta, dell’edilizia e del tessile (compresi calzaturiero, maglie e abbigliamento) continua drammaticamente a scivolare verso il basso.

    In questo quadro, segnali positivi arrivano dall’export, che nei primi nove mesi del 2010 è cresciuto – se pure in maniera discontinua – del 16,7 per cento. Un trend superiore a quello lombardo (12,1) e nazionale (14,3), giustificato soprattutto con l’exploit di alcuni settori produttivi e con il richiamo di mercati emergenti, a partire da Brasile (più 48,7 per cento), Cina (44,1) e Russia (38,4). Sul fronte opposto, certo, le importazioni – soprattutto di materie prime e macchinari – sono cresciute in maniera ancora più significativa (più 34,5 contro una media lombarda e nazionale del 20,9). Ma il saldo del sistema Brescia resta comunque positivo per oltre tre milioni di euro.

    Resta però, vivo, il problema degli impianti, che – nonostante una timida crescita del 4 per cento – restano ampiamente sottoutilizzati rispetto alle loro potenzialità. E la conseguenza diretta è un costante aumento di coloro che perdono il posto di lavoro o si trovano in cassa integrazione. Nei primi 11 mesi del 2010, infatti, le ore di Cig sono schizzate a quota 57 milioni, con un incremento del 26 per cento sull’anno precedente (nel dettaglio calano del 45 per cento gli interventi ordinari e aumentano del 361 per cento quegli straordinari). Mentre il tasso di disoccupazione a fine anno supererà la soglia del 6 per cento: lo 0,7 per cento in più del 2009, ma – soprattutto – quasi il doppio del 2008. E nel 2011 potrebbe arrivare un ulteriore peggioramento.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    1. Raddoppiata???? Nessuno ce lo aveva mai detto! Dove sono govenro e istituzioni? E i sindacati che fanno cagnara per cose inutili spesso?

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome