3200 persone in piazza per accogliere Sting. Che non delude

    0

    Il tempo che invecchia e impreziosice i vini toscani, che tanto ama, non ha scalfito minimamente il suo talento e il suo carisma, finendo addirittura per rendere ancora più raffinata la sua voce calda. Sting non ha deluso. Se qualcuno temeva una esibizione accademica, fredda, un po’ distaccata, si è dovuto ricredere, e la prova evidente sono gli applausi scroscianti dei 3200 presenti di ieri sera in piazza Loggia.

    Sting non ha deluso e non si è nemmeno risparmiato, non ha lesinato i grandi successi della sua lunghissima carriera, partendo da «Every Little Thing She Does Is Magic» fino a «Message In A Bottle», passando per «Englishman In New York», la magnifica «Roxanne», «Whenever I Say Your Name», «Why Should I Cry For You», «Fields Of Gold», «Every Breath You Take». Sting avrebbe molto da insegnare a tante presunte star poco più che ventenni, che con due o tre soli album all’attivo si presentano alla folla rifiutandosi quasi di eseguire le canzoni che li hanno resi famosi. Sting no, Sting li ha fatti tutti i brani per i quali è diventato "Sting". Certo gli manca un po’ del sangue rock, è stato tutto molto tecnico, molto razionale, ma non freddo. L’estro e la bravura dell’Ensemble Symphony Orchestra diretta da Sarah Hick sono il perfetto collante per la voce armoniosa dello Sting maturo visto ieri sera a Brescia.
    a.c.

    close
    La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome