Ubriaco rompe una vetrina e picchia i carabinieri, arrestato

    5

    Alle 18 di ieri, i Carabinieri di Lumezzane hanno arrestato per resistenza, violenza e minaccia a Pubblico ufficiale e per lesioni personali un 58enne pregiudicato residente in paese. Il soggetto, in evidente stato di alterazione dovuta all’ingestione di bevande alcoliche, ha rotto la vetrina di un bar in piazza Diaz e quando la pattuglia dell’Arma è intervenuta, su richiesta del gestore del locale pubblico, si è dapprima rifiutato di consegnare i documenti di riconoscimento e successivamente ha profferito nei loro confronti frasi minacciose aggredendoli con pugni e calci (i militari ne avranno per 5 e 3 giorni). Bloccato dopo una breve colluttazione e sottoposto a perquisizione è stato trovato in possesso di un coltello nascosto sotto la cintura dei pantaloni. Condotto in caserma in stato d’arresto il soggetto, a causa delle sue condizioni dovute all’ingestione dell’alcool, accusava un , Portato preso l’Ospedale Civile di Brescia ne veniva dimesso in tarda serata senza prognosi. Nella mattinata odierna sarà condotto in carcere a Brescia in attesa di disposizioni da parte dell’autorità giudiziaria.

    close
    La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

    Comments

    comments

    5 Commenti

    1. Mamma mia sara´un immigrato?? ommmmmiiooooddiiiioo fateci sapere…..aaaahhh no scusate non ricordavo che siete bravi a scrivere quando si tratta di immigrati che fanno crimini. Italiano vergognati andare a picchiare e rompere vetrine!! Commentatori paladini della giustizia dove siete??? solo perche´non si tratta di immigrati allora la notizia non fa testo?? MAN CULET!

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome