Agosto tragico per la Leonessa. L’anno peggiore fu il 2006. Ma quest’anno i delitti sono già cinque

    1

    Agosto si conferma il mese più tragico per la Leonessa, che proprio in estate ha conosciuto alcuni dei delitti più efferati della sua storia. L’anno più tragico fu il 2006, quando si registrarono ben sette omicidi. Il più clamoroso fu quello di Hina Saleem, uccisa dal padre perché viveva “troppo da occidentale”. Ma altrettanto scalpore fecero le morti di Elena Lonati (uccisa in una chiesa di dal sagrestano cingalese), della Cottarelli (padre, madre e figlio sterminati da una gang legata a organizzazioni criminali) e del pittore Aldo Bresciani, assassinato da un marocchino 25enne. A cui due giorni dopo seguì l’accoltellamento mortale di un pakistano 48enne. Ma anche il 2005 fu caratterizzato da un delitto che fece scalpore, quella dei coniugi Aldo e Luisa Donegati, assassinati dal figlio.

    Quest’anno, nella Leonessa, i delitti sono stati già cinque. Il primo a gennaio, in città, quando Michele Leone fu ucciso dal figlio, che poi tentò il gettandosi da una finestra. Il secondo è arrivato con l’estate con il cameriere Imad El Kaaloui ucciso dal datore di a Desenzano Quindi, a luglio, la morte di Giuseppe Zani, assassinato dal figliastro. E ancora, venerdì scorso, l’omicidio al Copacabana.

    close
    La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

    Comments

    comments

    1 COMMENT

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome