Un giovane taciturno e perbene. Il dolore di Ghedi e Montichiari

    0

    E’ grande lo sgomento delle comunità di Montichiari e Ghedi per l’accaduto. Nel Comune dove viveva il giovane la famiglia – papà Angelo e mamma Marisa Roda – sono stati subito circondati da un cordone di affetto di amici e familiari. Una famiglia assolutamente normale, che viveva in una tranquilla villetta di paese e senza nemici. I Peroni stanno lì – in quella piccola traversa di via XXV aprile – dal 1999, quando hanno abbandonato la città in cerca di un posto più “umano”. Gente riservata (anche i colleghi ricordano Michele come un bravo ragazzo, ma forse un po’ chiuso) e grandi lavoratori. Come il giovane Michele che da diversi anni era impiegato come addetto alla sala controllo del vicino cementificio Fassa. Dove, pare, fosse stimato e rispettato da tutti.

    close
    La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome