Loggia costretta a cedere quote di A2A?

    0

    Il testo del decreto legge cosiddetto "anticrisi" non parla di tempistiche, ma è piuttosto chiaro: i comuni non possono detenere quote societarie superiori al 40%. Traduzione: la Loggia e Palazzo Marino dovranno diminuire la propria partecipazione in A2A, ora al 55%, di 7,5 punti percentuali a testa.

    Finirà proprio così? Presto per dirlo, innanzitutto perché il testo deve ancora passare in aula (in Senato il 22 agosto, e poi alla Camera) e poi perché il decreto legge prevede delle eccezioni e delle salvaguardie particolari per i comuni virtuosi, e sarebbe in prima fila in questo senso. Senza contare che verrà parzialmente messo in discussione anche il patto di stabilità (e quindi potrebbero aumentare le spese in conto-servizi, oggi il vero problema di molti comuni costretti a non superare determinati vincoli di spesa) e la probabile privatizzazione (obbligatoria per legge?) della gestione dei servizi pubblici (escluso quello idrico, recente oggetto di referendum).

    Insomma: il decreto legge potrebbe cambiare radicalmente il rapporto tra la municipalizzata e la Loggia, e di fatto anche il bilancio comunale. L’assessore Di Mezza dice che non si farà trovare impreparato.
    a.c.

    close
    La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

    Comments

    comments

    Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

    Per favore lascia il tuo commento
    Per favore inserisci qui il tuo nome