Gussago, ignoti in azione. Coperte di vernice le telecamere dei nuovi speed check

5

Continua la guerra dell’”anonima multati” contro gli autovelox per le strade bresciane. Ultime vittime sono le colonnine arancioni appena installate a Gussago, in via Sale. I famigerati speed check che stanno comparendo in numerosi centri storici bresciani. Nella notte qualcuno ha spruzzato vernice bianca sugli occhi delle telecamere (non ancora in funzione) in modo da renderle cieche. La Polizia locale sta dando la caccia agli autori del gesto.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

5 Commenti

  1. Ma quali finte, ogni tanto al loro interno vengono inseriti gli autovelox. Sappiate comunque che la legge prevede una multa di soli 39 euro senza decurtazione di punti dalla patente se non c’è una pattuglia nelle immediate vicinanze. Questa multa di 39 euro dimostra che tali apparecchiature servono solo per far cassa e non per la prevenzione. Il multato pagherà in silenzio 39 euro perchè fare ricorso ha un costo di 39 euro e in più ci perderà anche del tempo per rediriggere il ricorso e andare all’udienza.

  2. L’unico modo per irrogare multe credibili è mettersi in luoghi davvero pericolosi, fermare all’istante il trasgressore e redigere il verbale di persona. Troppo comode le mattanze che non fanno prevenzione!

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome