Pd, un disegno di legge per il rientro dei sindacati in Iveco. tra i firmatari anche l’ex ministro Damiano

0

Dall’inizio dell’anno nelle fabbriche della , e quindi anche dell’IVECO di Brescia, un grande sindacato come la FIOM-CGIL non è più rappresentato nelle Rappresentanze Sindacali Aziendali (RSA), non avendo sottoscritto il nuovo contratto nazionale di categoria, stipulato a seguito dell’uscita di FIAT da Confindustria. La segreteria provinciale del Partito Democratico ritiene che questa situazione vada rapidamente superata, in quanto non è accettabile che sia estromesso dalle aziende un sindacato, qualunque esso sia, per il fatto di non sottoscrivere un contratto. Non è in questione la condivisione o meno delle posizioni della FIOM. In questione è la democrazia nei luoghi di lavoro. Non è ammissibile che il segretario nazionale di un sindacato, come è accaduto pochi giorni fa a Landini all’IVECO, sia costretto a parlare ai lavoratori fuori dalla fabbrica. Relazioni sindacali corrette non possono basarsi sulla discriminazione. A livello parlamentare il , per dare uno sbocco positivo alla questione, ha presentato, a firma, tra gli altri, di Cesare Damiano, un disegno di legge per ripristinare il testo originario dell’art. 19 dello Statuto dei lavoratori, che consentirebbe il rientro in azienda di tutti i sindacati maggiormente rappresentativi, indipendentemente dal fatto che siano firmatari o no dei contratti. E’ questa la strada maestra perché in FIAT siano ripristinate relazioni sindacali non discriminatorie.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e , sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome