Il “NO” degli albergatori alla tassa di soggiorno a Gargnano

0

(a.c.) Se tutti i comuni la applicassero, sarebbe differente, ma visto che la situazione sul è ormai "a macchia di leopardo", allora a Gargnano la tassa di soggiorno non va prevista. Questo il ragionamento degli albergatori dell’incantevole comune gardesano, riunitisi giovedì sera in assemblea per discutere del tanto chiacchierato balzello, gioia per i comuni e spettro per gli operatori del turismo, albergatori ma anche campeggiatori e proprietari di bed & brekfast.

Il presidente dell’Associazione Turistica di Gargnano, Stefano Del Pozzo, dalle colonne di Bresciaoggi in edicola stamane: «O una tassa è nazionale, e allora tutti la devono pagare, o nessuno la deve applicare. Come puoi giustificare a un cliente il fatto che a Riva e a Limone non si paga? L’applicazione di questa tassa porta con sé parecchi problemi, a partire dal fatto che alcuni alberghi hanno già preso accordi con le agenzie non tenendo conto del balzello. Il sindaco ha proposto l´esenzione in questi casi, ma allora ci troveremmo nella situazione assurda che chi ha stipulato un contratto non la applica e chi invece non ne ha fatti dovrebbe farla pagare. I malumori nascono anche dal fatto che il sindaco aveva detto che se qualche altro paese non avesse applicato la tassa, non l´avrebbe fatto nemmeno Gargnano».

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome