Montirone, urla e minacce in Comune. Il sindaco chiama i carabinieri e promette la denuncia

0

Una riunione di Giunta finita tra le urla, gli insulti le minacce. E’ successo a Montirone, nella Bassa bresciana, dove il marito della consigliera Alessandra Conforti sembra aver fatto irruzione nella sala comunale inveendo contro il sindaco e alcuni assessori. Secondo quanto riferiscono i testimoni l’uomo non ha misurato le parole, arrivando fino alle minacce di morte. La causa di tanta rabbia sembrerebbe derivare da una lite successa poche ore prima tra la moglie consigliera e il sindaco Lazzaroni a causa di alcuni documenti che la donna avrebbe richiesto e il sindaco negato, chiedendo alla donna di rispettare le procedure di richiesta per ottenere il cartaceo di una delibera, così come previsto dal regolamento. I rapporti tra la consigliera Alessandra Conforti e il sindaco Lazzaroni si erano già incrinati a novembre, quando la consigliera aveva ufficializzato l’abbandono dalla lista civica al governo “Patto per la libertà” per creare il Gruppo misto. Dopo la sfuriata del marito, titolare di un’azienda del paese, e l’arrivo dei , il sindaco si è detto pronto a sporgere denuncia contro l’accaduto, anche se al momento non risultano denuncie a carico del marito della Conforti.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome