Cividate camuno, uccise il padrone a colpi di stanga. Ma per i giudici l’aggravante dei “futili motivi” va cancellata

0

La pena è da ridurre. A deciderlo è stata la Suprema corte che ha stabilito il fatto che non vada attribuita l’aggravante dell’omicidio per futili motivi ad Hamit Luci, l’operaio che nel 2008 – a Cividate Camuno – uccise a colpi di stanga il suo datore di lavoro. Secondo i giudici lo straniero aveva reagito ai pesanti insulti del datore in un contesto fatto comunque da continui insulti e ingiustizie, circostanza che alleggerisce leggermente la posizione dell’operaio.

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Un albano ammazza a sprangate un essere umano e i bravi giudici "della suprema corte" di sta cippa sentenziano che tutto sommato non ci sta l’aggravante e vabbuò…..chissà se le sprangate le avessero prese i giudici in questione…

  2. "non ci sta l’aggravante" dei futili motivi. Sai leggere? E hai capito cosa vuol dire escludere l’aggravante dei futili motivi? Mi sa di no. "E vabbuò"…

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome