Strage, l’ordigno che esplose in piazza era dinamite. Riacquistano credibilità le parole di Digilio

0

L’ordigno che il 28 maggio 1974 esplose in piazza della Loggia era composto da dinamite, gelignite e una minima parte di tritolo. E’ quanto hanno ribadito durante l’udienza di ieri Romano Schiavi e Alberto Brandone, i primi periti incaricati dai giudici nel 1976 di ricostruire il tipo di esplosivo utilizzato nell’eccidio di 38 anni fa. Nel processo di primo grado, altri periti avevano sostenuto che l’ordigno sarebbe stato un composto di tritolo. Una versione che smentirebbe la testimonianza del pentito Carlo Digilio il quale ha sostenuto di aver visionato la bomba per piazza Loggia a Verona, in una tappa del suo viaggio da Venezia a Brescia. Nel racconto di Digilio si parla di candelotti di dinamite e gelignite. Capire la natura dell’ordigno permette di dare credibilità o meno al racconto dell’ex ordinovista. Ecco perché questo sarà un punto decisivo per la conclusione del processo d’appello per la strage.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome