Condannato a otto anni l’operaio rumeno che violentò la figlia 14enne

0

E’ stato condannato a otto anni l’uomo rumeno accusato dalla figlia, allora 14enne, di ripetute sessuali tra il 2004 e il 2007. Oltre al , all’uomo è stata revocata la potestà genitoriale e imposto una provvisionale immediatamente esecutiva di 25 mila euro per la parte e un risarcimento danni ancora da determinare. Le violenze sarebbero state commesse fra la Bassa Valcamonica e la Bergamasca e ribadite in aula ancora oggi dalla ragazza, ora 19enne. Il padre, invece, ha continuato a dichiararsi innocente ed estraneo alle accuse, vittima di una vendetta familiare. Ora si attendono le motivazioni della sentenza ma con ogni probabilità la difesa proporrà il ricorso in Appello.

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e , sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome