La Piccola Velocità su un binario morto, la Regione toglie i 9 milioni per la strada

0

Nuovi guai per la Piccola Velocità di via Dalmazia. La riqualificazione dello scalo merci sembra ormai su un binario morto. Dopo i contrasti sul progetto del polo logistico Ideal Standard, ieri si è tenuto un nuovo vertice tra tutti i protagonisti della partita: Provincia, Regione, Fs Logistica, Rfi, . Si sarebbe dovuto firmare l’accordo integrativo dei protocolli d’intesa del 2007 e del 2009; una firma che avrebbe messo nero su bianco l’impegno di Rfi, la società del gruppo che gestisce la rete, di riqualificare i binari, come chiesto dalla . Proprio il Comune di Brescia, però, non si è presentato all’incontro. Così anche quella che l’assessore provinciale Corrado Ghirardelli ha definito l’ultima occasione per recuperare i 9 milioni di euro regionali destinati allo scalo è tramontata. Quei sarebbero dovuti servire per costruire una nuova strada di collegamento allo scalo ferroviario, in modo da liberare la viabilità comunale dal traffico pesante. Ai 9 milioni del Pirellone andavano aggiunti i 5 che avrebbe garantito il Broletto e i 4 di Fs Logistica. Senza i soldi della Regione la strada non si farà più. Resta da capire se la Piccola potrà comunque avere un futuro.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome