Roccafranca: La strage di storioni del 2008 fu causata dal depuratore comunale. Maxi risarcimento in vista?

0

(a.c.) Una vera e propria strage di storioni, che mise in ginocchio un’azienda, tra le più importanti e prestigiose a livello europeo, per la produzione di caviale. A distanza di quasi quattro anni, era infatti il 31 luglio 2008, il titolare Giacinto Giovannini ancora ricorda con dolore il giorno in cui trovò 300 storioni a galleggiare nell’acqua del suo allevamento. Un disastro, ambientale ed economico, quantificato in circa 2,4 milioni di euro.

A distanza di tanto tempo, e dopo numerose perizie e studi specifici, sembra chiaro che a causare la morìa degli esemplari fu il depuratore del comune di Roccfranca, troppo vicino alle acque di prima falda da dove l’allevamento pescava l’acqua. I tecnici che hanno predisposto la perizia sull’accaduto hanno raccomandato di spostare il depuratore di almeno 180metri, per evitare nuovi versamenti (a causa di abbondanti pioggie) e nuove contaminazioni delle falde. Questo per il futuro: ma la vera e propria mannaia che sta sopra al comune è rappresentata dall’eventuale risarcimento all’azienda VIP di Giovannini, che attende giustizia dalla causa civile intentata all’ente. 

Lo stesso Giovannini sulle colonne di Bresciaoggi, che racconta la vicenda:  «La perizia mi rende giustizia, ma avrei preferito tenermi i miei storioni e proseguire il naturale corso della produzione. Dal Comune di Roccafranca finora ho ricevuto solo no». La produzione attualmente è ancora in stallo dopo la morìa: da allora l’allevamento lavora solo al 50% delle sue potenzialità.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome