Arcigay contro il preside: “Maschilismo poco consono al suo ruolo educativo”

0

(a.c.) Una pagina triste. E’ con queste parole che il comitato Arcigay di Brescia commenta l’episodio che ha visto protagonista il preside dell’istituto ITIS Benedetto Castelli e la redazione del periodico scolastico "Castello".

La notizia, pubblicata qualche giorno fa (leggi qui: Il preside censura un articolo del giornalino che parla di iniziative omosessuali: è polemica) è tornata nuovamente alla ribalta grazie alla replica di Arcigay di Brescia, che in un comunicato dice la sua in merito alla questione: «Arcigay desidera esprimere solidarietà e vicinanza ad Alessandro Pasini, vittima di una triste pagina di censura a opera del dirigente scolastico del suo istituto. La tutela di ogni minoranza, la cultura del rispetto e la valorizzazione delle differenze dovrebbero essere un obiettivo educativo e pedagogico da perseguire con attenzione in ogni istituzione scolastica».

Poi si legge l’affondo del presidente Orlando Parrotta nei confronti del preside dell’istituto, Pierluigi Guizzetti: «Tale atteggiamento di chiusura, che ci sorprende e indigna, denota un maschilismo poco consono al suo ruolo educativo, soprattutto nei confronti di una minoranza spesso oggetto di bullismo omofobico e di discriminazione verbale. Il ruolo di un educatore dovrebbe invece essere quello di includere ogni differenza all´interno di un contesto sociale aperto e multiculturale, in grado di abbattere stereotipi e pregiudizi, soprattutto tra studenti e ragazzi in età scolare».

close
La newsletter di prevede l'invio di notizie su Brescia e , sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome