Ubi, nel 2011 perdita di 1.8 miliardi. Cedola di 5 centesimi ad azione

0

Ubi Banca ha chiuso il 2011 con una perdita di 1.841,5 milioni di euro, contro un utile di 172,1 milioni del 2010, a causa della svalutazione di avviamento e attivi intangibili per 2.190,9 milioni. l risultato prima degli impairment evidenzia un utile di 349,4 milioni di euro (+97,1 sul 2010). Il consiglio di gestione ha proposto il pagamento di una cedola di 5 centesimi ad azione, per un monte dividendi di 45,1 milioni di euro

Ubi Banca ritiene prevedibile per quest’anno ”un’evoluzione sia pur leggermente positiva della redditivita’ dell’attivita’ ordinaria a fattori economici costanti”. Inoltre, si legge nella nota sui conti 2011 ”il Piano industriale 2011-2013/2015 e’ confermato nelle sue linee guida strategiche fondamentali, e non si ritiene di procedere ad un suo aggiornamento se non in presenza di una maggiore stabilizzazione del contesto”.   

In allegato i risultati completi 

Clicca per votare questo post
[Total: 0 Average: 0]

Comments

comments

1 COMMENT

  1. La notizia è quasi drammatica se si pensa che le reti commerciali realizzano comunque utili, seppur non ecclatanti. Il top management di UBI è lo stesso dai tempi della fusione BPU-Banca Lombarda ed incassa cifre stratosferiche incrementatesi di anno in anno (1,4 milioni di euro l’anno al numero 1 Victor Massiah). Il titolo è stato una delle maglie nere 2011 del listino di Piazza Affari, ma sembra che i soci nulla vedano e soprattutto nulla facciano per cambiare rotta, uomini e strategie. Se poi nel bilancio si parla di svalutazioni dell’avviamento si è difronte ad una palese presa d’atto di una fusione partita male e gestita peggio. Purtroppo, un altro danno irreparabile alla storia bresciana.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome