Cittadinanza per i bimbi stranieri nati in Italia, Ligasacchi (Pdl) firma la mozione del Pd

0
Fiocco rosa

Il tema della cittadinanza ai nati in Italia da genitori stranieri sarà in discussione nell’aula del Pirellone martedì prossimo, con una mozione promossa dal Pd e firmata da tutta l’opposizione, ma anche dal consigliere Pdl Vanni Ligasacchi,  “Una mozione che fa riferimento alla raccolta di firme ‘L’Italia sono anch’io’ sostenuta da Acli e grazie alla quale nelle prossime settimane a Roma, sarà formalizzata una proposta di legge di iniziativa popolare – spiega Carlo Borghetti (Pd) –  sul tema inoltre si è espresso recentemente anche il cardinale Scola”.  Proprio all’ “appello per una riforma della legge sulla cittadinanza” arrivato dalla Diocesi di Milano lo scorso aprile si fa riferimento anche nel documento, che, se approvato, impegna la Giunta a farsi promotrice della legge a livello nazionale.  “Ritengo che sia un principio giusto  – commenta Ligasacchi (Pdl) – inutile nascondersi che la società vada in una certa direzione, nelle nostre scuole ci sono già moltissimi bambini che parlano benissimo l’italiano e che sono nati in Italia da genitori stranieri “. Unico rappresentante della maggioranza ad aver, al momento, firmato la mozione, l’esponente Pdl auspica che altri colleghi di partito possano seguirlo. “Sarebbe una prova anche di civiltà –  afferma –  una risposta a una società che non deve essere più vittima di pregiudizi”.

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

1 COMMENT

  1. il fatto di non fare figli obbliga per forza a concedere la cittadinanza italiana ai nostri figli.il futuro dell’Italia sara loro a 70 per cento.wait and see
    il mitico

  2. "Sarebbe una prova anche di civiltà"…la prova di civilta’ cari partiti sarebbe quella di un referendum….lo faranno ? ovvio che no

  3. anche a londra erano figli di terza generazione……… ma,cribbio,studiare un po,non vi vien neanche in mente?perche’ non lasciar decidere ai ragazzi,al 18 anno di eta’ cosa voglion fare?troppo difficile?

  4. Fate scegliere al loro compimento dei 16 -18 anni di che nazionalità vogliono essere identificati. Voglionno essere cittadini italiani? Contenti loro….

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome