Crisi e tagli, i pensionati bresciani sono sul lastrico

0

Non solo famiglie. Dopo l’allarme lanciato ieri dalle Acli bresciane arriva l’analisi preoccupante dei sindacati sulla povertà dilagante tra gli anziani, effettuata a margine della campagna estiva “Non lasciamoli soli”.

Secondo i dati divulgati dall’Inps nel bresciano più del 70 per cento delle pensioni arriva a un tetto massimo di 868 euro mensili lordi, e quasi la metà dei pensionati della Leonessa (circa 150mila) vivono con 418 euro al mese. Numeri pesanti, che raccontano una realtà difficile, aggravata dai costi imposti dall’età in ambito medico e assistenziale.

Ampie le differenze tra uomini e donne, con i primi che superano mediamente i mille euro, e le seconde che viaggiano al di sotto dei 500 euro.

All’orizzonte non c’è spazio per l’ottimismo. I tagli ai fondi nazionali per le politiche sociali (da 4,8 milioni del 2011 a 2,3 milioni) e la cancellazione di quello per la non autosufficienza mettono i bastoni tra le ruote alle amministrazioni comunali, e rendono il presente dei nostri anziani sempre più complicato.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. che aspettiamo a fare una patrimoniale pesante? monti l’avrebbe fatta ma é ostaggio della destra che difende i privilegi dei ricchi, berlusconi in primis.

  2. Non si può continuare così, la gente è stanca, le promesse non vengono mantenute, destra o sinistra che ci sia, non se ne può veramente più!

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome