I tanti “no” di Legambiente all’Alta Velocità. “Piuttosto affianchiamola alla linea già esistente”

0

Sia nel  tracciato  a  nord di 57 KM, quello che attraversa le colline moreniche,  i vigneti e gli  allevamenti che in quello a  sud, lungo di quasi 70 km, che attraversa anch’esso vigneti ed allevamenti; sarebbe un grave danno  ambientale, con un consumo di suolo di oltre mille ettari, un costo economico pauroso (il più alto d’Europa di 37 milioni di euro a KM) e di dubbia utilità trasportistica. Questa in sintesi la posizione di Legambiente della Lombardia. Il quadruplicamento in sede, a fianco della linea esistente, sarebbe la soluzione più logica, più funzionale e di minor impatto ambientale. Quasi tutti i 65 Km dell’attuale tracciato (storico) prevedono già gli spazi per altri due binari. L’esperienza europea conferma che non c’è bisogno di raggiungere la velocità di 300 Km/h. Il modulo tecnico dei 230 km/h, peraltro è già stato  adottato sulla  tratta TAV tra Milano e Treviglio della stessa Milano-Brescia-Verona. I risparmi economici sarebbero consistenti, la lunghezza del tracciato si accorcerebbe di 10 km rispetto al tracciato a nord e di 20Km rispetto a quello a sud,(con meno costi e meno consumo di suolo) e la possibilità  di utilizzare la nuova linea  anche per i viaggiatori delle medie distanze, dove si sviluppa l’80% della mobilità dei passeggeri. Meno espropri,meno costi e  meno inquinamento acustico, come avverte la Germania che ha fatto l’Alta velocità in territori popolati e densi di attività economiche e agricole come quelli italiani, sono strategici e permetterebbero di salvare le delicate colline moreniche ed i territori mantovani allo stesso tempo. La revisione del progetto si rende necessaria anche alla luce della grave crisi economica che suggerisce di utilizzare le poche risorse pubbliche disponibili  e degli istituti di credito per imprese,  istruzione, servizi sociali, e ricerca  piuttosto che per grandi opere costosissime, di dubbia utilità e di eccessivo impatto ambientale. Abbiamo già  un esempio negativo quello della TAV Torino-Milano. Aperta da tre anni, con una  capacità una di 300 treni al giorno viene utilizzata solo da 12 treni. Mentre i pendolari di Vercelli, Novara, Chivasso e Magenta subiscono disagi e ritardi ogni giorno sulla linea storica a pochi km c’è una linea TAV inutilizzata. Sarebbe bene non ripetere questa amara esperienza.

 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Seguo sempre e con attenzione gli interventi di Legambiente, ma credo che questa volta, sul tracciato della TAV abbiano preso una cantonata clamorosa!
    La linea ferroviaria Milano Venezia è stata realizzata nel 1835, nei quasi due secoli che sono trascorsi le aree urbanizzate sono cresciute a dismisura ed ora la tratta esistente si trova inglobata nei centri abitati di molte comunità, penso alle prime che mi vengono in mente, a Rezzato a Lonato e a , in particolar modo voglio soffermarmi su quest’ultima è letteralmente tagliata da un viadotto ben visibile, che ormai la popolazione con lo scorrere del tempo ha "digerito"; il pensiero di un raddoppio di tale infrastruttura mi fà rabbrividire, inoltre immaginatevi la sequenza di espropri di immobili, case e capannoni che andrebbero effettuati lungo la tratta in questione, è cronaca di questi giorni a Brescia.
    Mi spingo addirittura a dire che forse sarebbe meglio spostarle entrambe, eventualmente lasciando sulla tratta "antica" solamente i treni locali, notoriamente più lenti e meno impattanti.
    p.s. Cosa ne penserà il neoeletto Sindaco di Desenzano?

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome