Pdl, dal tavolo del Nord un avvertimento a Monti

0

Il tavolo del nord del Popolo della Libertà, che riunisce i Coordinatori Regionali e i massimi rappresentanti nelle Istituzioni Regionali di Lombardia, Piemonte e Veneto, dopo un confronto sul provvedimento per la revisione delle spesa pubblica in discussione al Senato, ha ribadito:

– contrarietà all’applicazione dei tagli lineari che colpiscono soprattutto quelle Amministrazioni virtuose che hanno garantito negli anni una gestione efficiente delle prestazioni mantenendo i conti in ordine. Basta, quindi, colpire quegli enti che acquistano beni e servizi a prezzi coerenti con il mercato e che hanno una spesa corrente al di sotto della media nazionale.

– Contrarietà alla riduzione della spesa del 10% per il personale in quelle Amministrazioni pubbliche che hanno già organici limitati e quindi costi inferiori alla media nazionale. Non possiamo punire allo stesso modo quei comuni che hanno 1 dipendente ogni 300 abitanti e chi invece ha un dipendente ogni 50 abitanti o ancora meno.

– La necessità di lasciare libertà agli enti locali, interessanti dalle aggregazioni nelle Città metropolitane, se aderire a tale progetto oppure – per le realtà di confine – confluire in aree preesistenti o di nuova istituzione.

"Su questi tre principi – affermano il Sen. Mario Mantovani, il Sen. Enzo Ghigo e l’On. Alberto Giorgetti – non intendiamo cedere in nessun modo e invitiamo tutti i senatori del Nord a sostenere una battaglia per tutelare quelle migliaia di Amministrazioni locali, da sempre gestite con rigore, che oggi potrebbero veder ridursi l’efficienza dei servizi comunali senza alcuna loro responsabilità a discapito dei loro concittadini".

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome