Stazione di Brescia: è stato fatto molto, per il comitato “StazioneInsieme” si può fare ancora di più

0

(a.c.) Soddisfazione per le attenzioni della Loggia alla questione-sicurezza in stazione, ma consapevolezza che si possa fare di più. Il Comitato StazioneInsieme a pochi giorni dall’avvio del preogetto di chiusura notturna della stazione (progetto annunciato a luglio, qui la notizia: https://www.bsnews.it/notizia.php?id=18207), che partirà la prossima settimana, torna sull’argomento con alcune dichiarazione del portavoce Ugo Poli.

Il Comitato pur apprezzando gli sforzi fatti dall’Amministrazione e dalla Prefettura crede che questi potrebbero essere sforzi vani se non accompagnati da un deciso cambio di strategia e indirizzo. In poche parole non concentrarsi solo su repressione e controllo ma tendere a rendere la stazione un luogo di accoglienza vera nei confronti dei viaggiatori, ora solo di passaggio. 

Le parole di Poli: «Dalla prossima settimana dovrebbe partire il progetto di chiusura della stazione ferroviaria presentato dall’amministrazione a fine luglio, ma così come è strutturato si dimostra ben lontano dal creare una stazione che sia davvero blindata. E’ vero che per circa 5 ore a notte la stazione sarà ufficialmente inaccessibile ma abbiamo buone ragioni per credere che la chiusura dei soli ingressi a nord e sud non la renderà davvero tale». Prosegue Poli: «Il lavoro in stazione va finito – e per farlo davvero e´necessario che una volta per tutte si guardi con attenzione a ciò che è all’origine di gran parte dei problemi della zona. Ovvero, la presenza di una vasta umanità sofferente che va dignitosamente collocata altrove».

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome