Libri d’artista e libri oggetto in mostra dal 13 ottobre in via Milano

0

(a.l.) Dal 13 ottobre al 4 novembre – alla Fondazione Berardelli di via Milano, in città – si aprirà l’esposizione “Libri d’artista e libri oggetto”, che punta a rendere omaggio alla collezione di libri d’artista, illustrati e oggetto che Lamberto Pignotti, uno dei padri della poesia visiva italiana, ha donato alla biblioteca della Fondazione Berardelli.

La raccolta in mostra comprende più di 150 volumi di autori italiani e stranieri realizzati dagli anni settanta ad oggi, è un’importante testimonianza oltre che del lavoro di ricerca svolto con passione e intelligenza da Pignotti, delle diverse modalità di sperimentazione degli artisti sul libro. Sono infatti presenti nell’esposizione: libri d’artista, volumi realizzati con ampie tirature di stampa, per essere facilmente diffusi, ma pensati dall’autore in ogni elemento costitutivo; libri illustrati, preziosi prodotti editoriali che nascono dalla collaborazione tra un poeta o scrittore e un artista; libri – oggetto che sono invece delle opere in copia unica o in pochi esemplari, ideate facendo riferimento alla forma del libro. Un particolare spazio viene dato in mostra a quest’ultima tipologia di volumi che possono essere realizzati con materiali diversi, dalla carta alla tela, dal legno al metallo, e con varie tecniche che il più delle volte mettono in risalto la fisicità e la matericità del lavoro a discapito delle caratteristiche tradizionali del libro. Il libro-oggetto non deve infatti essere necessariamente sfogliabile o leggibile, come avviene nel caso dei libri cuciti, bruciati, cancellati o legati. Un’ampia sezione della mostra è inoltre dedicata alla produzione editoriale dello stesso Lamberto Pignotti, che dai suoi esordi nel mondo della letteratura negli anni cinquanta, è stata ricchissima e aperta a forme espressive differenti che vanno dalla poesia lineare alla saggistica, dalla narrativa ai libri d’artista.

La mostra è a cura di Melania Gazzotti con la collaborazione di Maddalena Carnaghi il catalogo presenta i contribuiti critici di Melania Gazzotti ed è progettato da Paola Mucciarelli.

Pignotti ricercando una definizione di poesia visiva dichiarava già nel 65: “In linea di massima si può affermare che essa è una forma di espressione che sperimenta a vari livelli dei rapporti fra parole e immagini figurali, perseguendo finalità e fondendo risultati in un contesto unico. Almeno da un punto di vista teorico essa rappresenta un’estensione delle possibilità della poesia. Tuttavia la poesia visiva non è ne una pìttura con le parole, ne una poesia con le figure. In altri termini le parole non devono fare da commento a delle autosufficienti immagini visive, ne queste ultime devono risultare l’illustrazione di un testo che basta a se stesso. La poesia visiva per essere tale, pretende un effettivo rapporto, una vera interazione, fra parole e immagini visive in un unico contesto, (che in genere assume l’aspetto del collage e più raramente si affida a elementi dipinti o disegnati), e non la loro semplice convivenza.” 

Fondazione Berardell, via Milano, Brescia – tel. 030 313888 – www.fondazioneberardelli.org

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome