Nonostante le ristrettezze e i tagli, l’Asl Brescia tra le migliori aziende d’Italia

0

Anche  l’Asl di Brescia soffre di ristrettezze economiche e per questo nel 2012 non si sono potuti evitare tagli al personale e ai servizi. Benché il 2012 si chiuda in pareggio (1 miliardo 680 milioni di euro) il direttore generale, Carmelo Scarcella, avverte, dichiarando al Bresciaoggi, che "il 2013 e 2014 saranno anni ancora più duri, che ci riserveranno ulteriori riduzioni". La maggior parte dei soldi del 2012 sono stati spesi per i pagamenti agli ospedali per i ricoveri (680 milioni di euro), per le prestazioni specialistiche (220 milioni di euro), per la farmaceutica (200 milioni di euro) e per il comparto socio sanitario (90 milioni di euro). Internamente  l’Asl ha speso 83 milioni per il personale e 28 per beni e servizi. Sempre quest’anno  sono stati anche tagliati circa 200 posti letto standard negli ospedali del territorio, ridotte le strutture semplici dell’Asl  (da 141 a 92), e sono state attivate convenzioni nuove più vantaggiose.  Il nuovo Piano di organizzazione aziendale è ora al vaglio della Regione. Eppure l’agenzia Agenas ha riconosciuto Asl Brescia tra le migliori d’Italia e questo perché, nonostante i sacrifici, l’azienda non ha perso di qualità nelle cure domiciliari, nei progetti salute e nell’attenzione al paziente. 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome