Fondi antisfratto, stanziati dalla Loggia 370mila euro ma erogati solo 88mila

0

Morosità incolpevole, un problema che assedia Brescia negli anni della crisi. Per questo tra il 2011 e il 2012, il Comune ha stanziato 370mila euro per aiutare inquilini in questa situazione ma ne ha erogati solo 88.931. "Abbiamo ricevuto 125 domande, pochissime, e 35 di queste sono state sinora finanziate", ha comunicato l’assessore alla Casa Massimo Bianchini al Bresciaoggi durante una riunione della commissione  presieduta da Giovanni Aliprandi dell’Udc.  Il punto è che per attuare questa linea di intervento deve essere d’accordo il padrone dell’abitazione, disponibile, dopo il contributo del Comune a coprire parzialmente la somma necessaria, a rinnovare il contratto o con ribasso del canone o con passaggio al canone concordato. Secondo il consigliere Claudio Bragaglio del Pd la responsabilità è spesso dei proprietari, "che avevano anche promesso 30-40 alloggi per l’emergenza, mai visti". E continua "E’ l’ente locale che deve farsi carico dell’emergenza", criticando la prefettura di entrare in gioco solo per motivi di ordine pubblico e addossando gravi colpe per l’aumento degli sfratti alla Regione che ha ridotto il fondo per il sostegno agli affitti da 1 milione 200 euro a 300mila euro. 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome