Addio sogni di gloria. L’An Brescia perde con il Partizan e saluta l’Europa

0

BRESCIA-PARTIZAN 6-7 (1-2, 1-1, 3-2, 1-2)

Brescia: Del Lungo, Valentino, Presciutti 2, Legrenzi, Loncar 1, R. Calcaterra, Mammarella 1, Nora 1, Binchi, Elez 1, Giorgio, G. Fiorentini, Moratti. All. Bovo.

Partizan Belgrado: Soro, Matovic, Mandic 3, Vico 1, Subotic, Rackov 1, Cuk 2, Dedovic, Cockovic, Tanaskovic, Basara, Jokic, Vukicevic. All. Vujasinovic.

 

Arbitri: Alexandrescu (Rou) e Vasileiou (Gre).

Delegato: Moliner (Spa).

Note: usciti per limite di falli Matovic (P) e Cuk (P)

Si ferma agli ottavi di finale l’avventura della AN Brescia in Champions League: il Partizan vince alla piscina di via Rodi per 7-6. Grande equilibrio in acqua, ma forse per i padroni di casa, l’aver giocato cinque gare in sole due settimane ha leggermente inciso.

Parte forte la squadra di Vujasinovic che va in vantaggio con le reti di Mandic e Cuk a pochi secondi l’una dall’altra. A 1’07 Loncar sfrutta l’espulsione temporanea di Milos e firma il primo gol bresciano.

Nella seconda ripresa è ancora il Partizan a farsi sentire: Binchi esagera al centro e per Vasileiou è rigore: Mandic non sbaglia (1-3). Passano quasi sei minuti prima di rivedere la palla in porta, complici un Soro sbalorditivo che non lascia speranze e un grande raddoppio che impedisce ogni azione dal centro, ma questa volta è il turno di Presciutti che con l’uomo in più ristabilisce il -1.

Nel terzo parziale la AN Brescia non si arrende e trova il pareggio con Mammarella da posizione cinque (3-3), ma il Partizan si ricarica e va in gol con Cuk e con Rackov dai due metri. A 5’07 Elez non sbaglia il rigore e con la rete di Presciutti termina 5-5.

Ultimo quarto ricco di tensione: Vico infila Del Lungo dalla distanza, Nora recupera in superiorità e a 2’22 il solito Mandic, così come aveva aperto la gara, chiude l’incontro (6-7).

LE INTERVISTE

Andrea Malchiodi (Presidente): <<Quseta sera abbiamo assistito ad una grande partita, ma purtroppo cinque reti da recuperare non erano poche, contando che dall’altra parte c’era una signora squadra come il Partizan. Per noi è stata comunque una bellissima esperienza che ci ha permesso di crescere. Usciamo dalla Champions a testa alta con i complimenti degli avversari e ci buttiamo a pieno nel Campionato.>>

Roberto Calcaterra (capitano): <<Noi dovevamo recuperare quattro gol e non era facile. Abbiamo perso meritatamente, non ci sono scuse, penso sia solo un fatto di energia mentale e cattiveria agonistica che dopo questo periodo concentrato credo siano un po’ mancate. Ora pensiamo al Campionato. Dobbiamo trovare le ultime energie prima della pausa e in particolare fare bene Sabato contro il Savona per mantenere i quattro punti dal Recco per non compromettere tutto quanto di buono è stato fatto sino ad ora.>>

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome