Salò, dopo il tribunale anche la sede del giudice di pace rischia la chiusura

0

(a.c.) Se a settembre, è ormai certo, chiuderà definitivamente i battenti il tribunale, già a fine aprile Salò potrebbe perdere anche il Giudice di pace. Il Ministero della Giustizia infatti ha comunicato che è disposto a continuare a pagare lo stipendio al giudice, a patto che gli enti si facciano carico di ogni altra spesa: sede, utenze energetiche, cancelleria e personale amministrativo. Per il giudice di pace di Salò si tratterebbe di trovare le risorse per pagare 5 dipendenti amministrativi, e altri 30/40mila euro per la gestione della sede.

Il sindaco Barbara Botti, disposta pure a perdere la sede di Salò in favore di un comune della sua zona, ha dichiarato sulle colonne del Giornale di Brescia in edicola stamane che sarebbero circa 2 euro per ogni residente le quote che i comuni limitrofi dovrebbero pagare per non far trasferire il giudice in città. Nelle intenzioni tutti i sindaci sono d’accordo circa l’importanza di evitare il trasferimento, nei fatti però sarà estremamente difficile trovare le risorse necessarie.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. e tutti i partiti si riempiono la bocca con la riforma della GIUSTIZIA!!!!!?????e tutti i partiti si riempiono la bocca con la riforma della GIUSTIZIA!!!!!?????

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome