Furto nella sala giochi, ma l’autrice era la proprietaria…

0
Slot machines
Slot machines

Lo scenario che si era presentato ai carabinieri lasciava poco spazio alle interpretazioni: la finestra sul retro era rotto, mentre le macchinette videopoker come il cambiamonete erano state forzate con un flessibile. Per un bottino di circa 4mila euro in contanti. Insomma: l’ennesimo colpo ai danni di una sala giochi, che questa volta aveva colpito un locale di Manerbio. E nelle settimane prima aveva toccato diversi bar del circondario. Peccato che quando i carabinieri hanno scoperto l’autore del colpo la proprietaria del bar non fosse molto contenta. Perché la “colpevole” era lei, che – dopo vari tentennamenti – ha dovuto ammettere di essersi inventata tutto con l’aiuto di due complici. Tutti, ovviamente, sono stati denunciati per simulazione di reato.

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome