Tonnellate di droga dall’Albania a Brescia: in arresto 56 persone

0

56 persone in arresto, 20 italiani e 36 stranieri. Sequestrati 50 kg di cocaina e più di 3 tonnellate di marijuana, assieme a mezzo milione di euro, automezzi e scafi per un valore di un milione. Sono impressionanti i numeri della maxi-operazione condotta dalle Procure di Brindisi e Brescia, dalla Guardia di Finanza e dallo Scico, Servizio centrale investigazione criminalità organizzata di Roma. Diverse le città coinvolte, Brindisi, Latina, Roma, Frosinone e Milano, ma tutto è partito da Brescia, più precisamente dal "ring". Qui, grazie ad alcune operazioni effettuate in parchi e vie del centro storico, su segnalazione dei residenti preoccupati del crescente giro di spaccio a cielo aperto, si sono arrestati i primi piccoli pusher a fine del 2011. Dagli interrogatori gli agenti sono riusciti a risalire ad un livello più alto dell’organizzazione, e ad arrestare quello che sembra essere il capo, residente sul Lago d’Iseo, con l’abitazione circondata da importanti sistemi di sicurezza.

Da allora gli investigatori sono riusciti a capire i meccanismi del traffico di cocaina e marijuana, ed hanno scoperto che la droga arrivava al nord da Roma, dopo essere partita dalla Puglia assieme a carichi di agrumi. Le indagini hanno portato dritto a Brindisi, dove si è scoperto che arrivava la coca e la marijuana partita dall’Albania a bordo di un potente gommone spinto da due motori da 250 cavalli l’uno. Il viaggio attraverso l’Adriatico durava solo un paio di ore, e la droga era in Italia pronta a partire, assieme alle arance, alla volta di Roma. Da lì a Brescia e Milano.

In totale le persone arrestate sono 56.
(a.c.) 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome