Dalle “Brigate Rosse” una lettera di “minacce chimiche” all’assessore Beccalossi

8

Minacce firmate Nuove Brigate Rosse rivolte al neoassessore bresciano all’Urbanistica della Regione Lombardia Viviana Beccalossi (Fdi). Una busta firmata ‘nuove Brigate Rosse’ infatti e’ stata recapitata questa mattina alla segreteria dell’assessore di Fratelli d’Italia. La busta, stando a quanto si apprende da ambienti della Regione, non e’ stata aperta per motivi precauzionali ed e’ stata, invece, subito sequestrata dalla Digos. Che ora dovrà fare chiarezza sul contenuto e sui mittenti. Sulla parte della busta dove si segna il nome del mittente compare la scritta a mano “nuove Brigate Rosse con attacco chimico”, seguito dalla stella a cinque punte, simbolo dell’organizzazione. Come destinatario, invece, la scritta “personale per l’assessore all’Urbanistica”. La lettera è stata inviata per posta ordinaria, e’ recapitata solo questa mattina ai dipendenti della segreteria, che allarmati dal presunto mittente hanno subito allertato il servizio di sicurezza e le forze dell’ordine.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

8 Commenti

  1. Certi gesti vanno condannati a destra come a sinistra, nessuno può condividere una lettera farneticante di un fantomatico gruppo di nostalgici che si richiamano a un periodo storico ormai morto! Per fortuna!!!

  2. in italia la gente condanna ancora prima di conoscere le cose. Non sappiamo cosa contiene la lettera, potrebbe essere una semplice busta-scherzo…cert o di cattibvissimo gusto, ma prima di condannare aspettiamo i risultati delle indagini

  3. La Digos dovrà fare chiarezza sul contenuti, sui mittenti e anche sul destinatario (all’evidenza genericamente indicato) di una lettera spedita con posta ordinaria alla segretria dell’assessorato regionale. Da cui l’articolo: Minacce chimiche all’assessorre Beccalossi. Fate un po voi…

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome