“Malè e il suo Mozambico” in mostra al salone Vanvitelliano della Loggia

0

Il pittore mozambicano Antonio Alberto Malendze, in arte Malè, espone da oggi all’8 giugno 2013 nel salone Vanvitelliano di palazzo Loggia. La mostra "Malè e il suo Mozambico", curata e proposta dalla Ong bresciana Scaip (Servizio Collaborazione Assistenza Internazionale Piamartino), presenta una trentina di tele tra le più significative dell’artista africano. L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Brescia e dalla Circoscrizione Centro.

Fulcro della rassegna, già esposta al prestigioso Palazzo della Racchetta a Ferrara e in procinto di essere allestita alla Galerie Benedict di Vienna il prossimo novembre, è l’elemento umano, sintetizzato in espressioni chiave quali: grandi occhi, labbra, nasi allungati, mani e piedi squadrati, ventri dilatati o prominenti. Di grande fascino è la resa cromatica, realizzata con pennellate dense e sovrapposte, che raggrumano il colore e lo illuminano di bagliori luminosi e improvvisi, che creano un’atmosfera quasi sovrannaturale e rendono dinamica la composizione.  

 " Non è frequente poter osservare una mostra di quadri di artisti africani in Italia. Sono più comuni altre espressioni artistiche quali l’artigianato e le piccole lavorazioni manuali – spiega il presidente dello Scaip Ruggero Ducoli -: ecco perché siamo lieti di portare all’attenzione del pubblico una testimonianza dell’arte contemporanea del Continente Nero: un simbolo di apertura verso culture lontane, ma che attraverso l’arte trovano denominatori comuni".

 Malè nasce a Maputo, in Mozambico, il 21 gennaio 1980. Fin da giovanissimo appassionato di pittura, diventa presto allievo di Musis e di Sibemi, pittori mozambicani che lo introducono alla tecnica a olio. La rassegna di Malè, come quasi l’intera sua opera, è  ispirata all’acqua: acqua come fonte di vita, elemento essenziale per ogni essere vivente. L’artista ne evoca la simbologia e l’importanza che il territorio africano attribuisce a un bene insostituibile. Con i suoi quadri il giovane pittore esprime immagini suggestive che desiderano stimolare tutti a ritrovare piena coscienza per il bene più prezioso.

Lo Scaip, con questa esposizione, vuole esortare i visitatori a considerare le risorse naturali in modo oculato:"Nelle sale espositive il filo rosso che guiderà i visitatori sarà l’acqua, tema sociale fondamentale in Africa – spiega la curatrice Milena Zanotti, critico d’arte bresciano, collaboratrice di alcune gallerie d’arte a Milano e a Roma e di diverse riviste del settore -. Un tema trasversale nelle opere pittoriche di Malè, dove la spiritualità e la vita terrena si uniscono simbolicamente in questo elemento, quando anche una sola minuscola goccia diviene carica del significato della vita. E dunque, in un passaggio narrativo e artistico che si apprezza in ogni quadro, l’acqua si personifica nell’”uomo goccia”, imbevuto allo stesso tempo di trascendenza e materia".

La tutela dell’acqua è il messaggio che la onlus Scaip vuole sottolineare portando parte della mostra nelle scuole bresciane: attraverso la visione e la lettura dei quadri, l’associazione offre incontri formativi per alunni di ogni ordine e grado.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome