Agricoltura, i danni per il maltempo stimati tra i 20 e i 30 milioni di euro

0

Pesantissimo il bilancio dei danni legati al maltempo che ha caratterizzato la primavera: si tratta di un buco economico che oscilla tra i 20 e i 30 milioni di euro. E il danno non è solo economico: il brutto tempo ha influito anche sulla qualità dei prodotti. Il Presidente di Coldiretti Prandini lamenta il mancato segnale da parte del Governo, e, come riporta il Bresciaoggi, snocciola i dati: si va dai cali nella resa stimati tra il 35 e il 40% per l’insilato di mais al crollo del 50% di mais e soia, passando per un picco del 40% fatto segnare dalle colture invernali tipo orzo e triticale, ibrido artificiale tra la segale e il grano tenero.  Sempre per l’insilato, si annunciano altri grossi problemi dovuti allo slittamento in avanti delle semine.  Ad aggiungersi allo scenario drammatico l’incremento dei costi previsti per le aziende pari a circa il 50%, soprattutto nel comparto zootecnico, dove diverse aziende bresciane sono state costrette a importare dall’estero le materie prime cerealicole necessarie per alimentare gli allevamenti di bestiame.  

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome