Mamma emiliana scappa dal terremoto per partorire a Desenzano il piccolo Riccardo

0

Elena Comellini e il piccolo Riccardo sono mamma e figlio. Ma se non fosse stato per l’aiuto dei medici dell’ospedale di Desenzano e per la disponibilità dei titolari del campeggio I Tigli di Padenghe del Garda oggi questa storia avrebbe potuto non avere un lieto fine. A raccontarla a Bsnews.it è la stessa mamma di Riccardo, un anno il 1 giugno scorso, quando mamma Elena è scappata dal terremoto che ha colpito l’Emilia Romagna (sua terra d’origine) per rifugiarsi sul lago di Garda e partorire il suo primo bambino: “ Il 29 Maggio del 2012 alle 9 del mattino una scossa ha reso inagibile l’ospedale di Carpi dove doveva nascere il mio primo figlio – racconta la donna – all’una è arrivata un’altra grossa scossa, i miei famigliari mi hanno caricato in macchina, alla ricerca di un ospedale e un posto tranquillo dove partorire….siamo arrivati al campeggio dei Tigli a Padenghe”. Lì è stata accolta come una di famiglia, “erano tutti gentilissimi e mi hanno fatto sentire a casa” e il giorno successivo, puntuale come un orologio svizzero, è nato il piccolo Riccardo all’ospedale di Desenzano, “un posto dove ho trovato persone gentilissime, disponibili, pazienti e cordiali”.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome