Sequestro della Stefana: possibile trasferimento a Montirone

0

E’ complessa la situazione dell’azienda Stefana  a cui martedì mattina i tecnici dell’Asl, su disposizione del pubblico ministero, hanno posto i sigilli. L’inchiesta, nelle mani del sostituto procuratore Michele Stagno, sarebbe collegata ad un infortunio accaduto nel luglio 2010 nell’area sequestrata. Le decisioni della magistratura sul possibile dissequestro richiesto dall’azienda dovrebbero arrivare lunedì: nel frattempo, scrive il Giornale di Brescia, , azienda e sindacati stanno vagliando diverse ipotesi per poter riprendere la produzione, tra cui lo spostamento a Montirone.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome