Ragazzi bresciani dopo la discoteca tornano in albergo con le bici… rubate

0

La più classica delle bravate, quella fatta durante le vacanze al mare con il gruppo di amici. Brescia ieri è finita sulla cronaca dei giornali della Riviera Romagnola, purtroppo per un motivo di cui andare poco fieri. Un gruppo di otto ragazzotti tra i 17 e i 18 anni dopo la serata passata in una discoteca di Igea Marina, e l’uscita dal locale alle sei di mattina, ha pensato bene di fare ritorno in albergo, dove i familiari li stavano aspettando, a bordo di 7 bicilette. Rubate, però.

Già, tornare con i mezzi pubblici era impossibile, vista l’ora. Il taxi? Forse troppo costoso. Così i ragazzi hanno rastrellato 7 biciclette fuori da alcuni alberghi e hanno iniziato a pedalare. Peccato per loro che un passante insospettito abbia chiamato i carabinieri, che poco dopo a bordo di una pattuglia hanno individuato la comitiva di ladruncoli. Poche le scuse accampate dai giovani bresciani, anche perché le biciclette erano marchiate dai loghi degli alberghi dove i mezzi erano stati rubati. 

Per i 6 maggiorenni è scattata la denuncia presso la Procura di Rimini, per i due minorenni la convocazione dei genitori e il deferimento alla Procura dei minori di Bologna. 

Bresciaoggi, che riporta la notizia nell’edizione odierna, spiega che comunque i genitori hanno tirato un sospiro di sollievo quando hanno visto i figli sani e salvi, dopo la chiamata dei carabinieri che aveva generato una certa apprensione. Certo una bella ramanzina sarà poi arrivata.
(a.c.)

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. bresciani migranti…. fossero stranieri a Brescia, li sentiresti i razzisti. Quí invece tacciono: sono i nostri ragazzi.

  2. Sono contenta che i genitori abbiano tirato un sospiro di sollievo, in fin dei conti si trattava solo di una bravata improvvisata lì per lì da alcuni bravi ragazzi bresciani!

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome