Ristorazione nei luoghi di villeggiatura bresciani: una irregolarità su tre nei 120 controlli dei Nas

0

Ristoranti, bar, campeggi, chioschi in spiaggia: la ristorazione estiva dei bresciani avrebbe potuto fare una figura migliore. Se non si tratta di bocciatura non si può nemmeno parlare di promozione a pieni voti: su 120 controlli effettuati dai carabinieri del Nas nei luoghi della villeggiatura bresciana tra giugno e luglio sono state 40 le irregolarità riscontrate, e 20 le denunce con relativa sanzione amministrativa.

Il comandante dei Nas di Brescia, Giuseppe Scaletta, ha illustrato ieri il bilancio degli interventi effettuati dai suoi uomini lungo le coste dei laghi e sui monti bresciani, oltre che in un paio di locali della movida cittadina. Il bilancio delle operazioni parla di cibi mal conservati, mancato rispetto delle date di scadenza e vendita di prodotti spacciati per freschi quando non lo erano. Nulla di troppo pericoloso, ma il totale della merce sequestrata arriva alla quota di 25mila euro. 

I dati relativi ai controlli bresciani sono in linea con quanto avviene nel resto d’Italia, da ciò che sta emergendo nelle indagini predisposte a livello nazionale dal Ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Qualche giorno fa era andata meglio durante i controlli nelle case di riposo cittadine (leggi la notizia).
(a.c.) 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome