Con la crisi diminuiscono anche le rimesse degli stranieri verso i paesi d’origine

0

Il lavoro degli immigrati pesa in Lombardia e rappresenta una ricchezza per il territorio ma anche una fonte di sostentamento significativa per i Paesi da cui molti arrivano. Anche sugli stranieri però si fa sentire l’effetto della crisi: nel 2012 infatti le rimesse degli immigrati stranieri sono diminuite del 7,9% passando da circa 1,6 a 1,5 miliardi di euro con un peso del 21,2% sul totale delle rimesse italiane. Cina, Filippine, Romania e Perù i Paesi principali destinatari con la Cina che da sola pesa un terzo (33%) sul totale e continua a crescere, +8,9% in un anno, in controtendenza rispetto all’andamento complessivo delle rimesse.

In media gli immigrati lombardi hanno mandato a casa 1.524 euro a testa con punte per la provincia di Milano (2.975 euro) e gli immigrati cinesi (10.408 euro in media considerando solo i cinesi residenti in regione).

Se Milano da sola concentra il 66,6% delle rimesse regionali e il 14,1% di quelle nazionali, con punte del 93% per le rimesse lombarde verso la Cina, proviene da Brescia il 9,3% e da Bergamo il 6,6% del denaro che gli immigrati lombardi inviano nei Paesi di provenienza attraverso banche e money transfer. E, nonostante il rallentamento generale, tra 2011 e 2012 crescono le rimesse da Monza e Brianza (+9,7%) e Lecco (+2,4%).

Gli immigrati imprenditori: sono quasi 82 mila le imprese straniere attive in Lombardia nel 2013, in crescita del 4,7% in un anno, di cui 67 mila extracomunitarie. Il 42% ha sede a Milano, il 13% a Brescia. Circa 67 mila sono piccole imprese (imprese individuali) con titolare straniero. Tra le comunità più attive egiziani, rumeni e cinesi.

Sono questi alcuni dei dati che emergono da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano su dati registro delle imprese 2013 e 2012, dati Istat e Banca d’Italia 2012, 2011 e 2010, dati World Bank 2012.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome