L’assessore Bontempi: missione in Etiopia offre nuove opportunità di business alle imprese

0

"Uno spiraglio di speranza per le nostre aziende, che lì potranno incontrare importanti occasioni di espansione ed internazionalizzazione del loro business, non in un’ottica di delocalizzazione ma di ampliamento dei propri mercati di riferimento”: l’Assessore alle attività produttive della Provincia di Brescia , che ha tenuto a battesimo l’impresa africana durante una conferenza stampa, è assolutamente convinto del successo della missione che porterà nella Repubblica Federale Democratica d’Etiopia una delegazione di imprenditori bresciani che cercherà di aprire un mercato internazionale, in un Paese in cui c’è bisogno di tutto e in cui tutti hanno la propria opportunità.

A un anno dall’incontro organizzato a Palazzo Broletto con l’ambasciatore etiope Mulugeta Amaki, la visita della delegazione bresciana è prevista dal 12 al 17 ottobre, con partenza da Milano Malpensa e arrivo ad Addis Abeba, dove si svolgeranno i primi incontri con i rappresentanti dell’Ambasciata d’Etiopia in Italia e dell’Ambasciata italiana, con i rappresentanti della Camera di Commercio locale, della scuola italiana della capitale e con i vari vertici settoriali. L’ultima giornata sarà invece dedicata alla visita alle fabbriche. Come “inviato” di Palazzo Broletto parteciperà il consigliere provinciale .

“La terra di conquista – ha sottolineato Bontempi – rappresenta un enorme bacino di opportunità: l’Etiopia, infatti, è un territorio esteso su una superficie di oltre 1 milione di chilometri quadrati, ha una popolazione di circa 85 milioni di abitanti e tassi di crescita intorno all’11/12 per cento”. Inoltre, Stato politicamente stabile, la Repubblica appartiene all’Igad, l’organizzazione politico commerciale dei paesi del Corno d’Africa che comprende circa 300 milioni di abitanti, ed è caratterizzata da dazi ridotti o annullati con numerosi paesi. Il Paese ha anche grandi potenziali, in quanto vi si trova petrolio e gas naturale, oltre a un totale di 51 milioni di ettari di terra coltivabile.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome