Uccise un 18enne rom per vendicare la figlia, pena ridotta a 10 anni per Manca

0

Pena ridotta da 12 a 10 anni. A deciderlo è stata la Corte d’appello che ha sottratto 24 mesi, pur senza concedere le attenuanti, dalla condanna di primo grado inflitta a Luciano Manca. L’uomo era stato condannato con l’accusa di aver ucciso un 18enne. Secondo quanto ricostruito dai giudici, nel 2011 Manca aveva sparato una fucilata intimidatoria contro alcune casette prefabbricate del campo nomadi di Calcinatello, poiché riteneva che lì vivessero i “colpevoli” della morte della figlia per overdose (avvenuta un mese prima). Una spedizione che era costata la vita al giovane Ionut Iamandita, che si trovava lì per caso.

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

1 COMMENT

  1. due famiglie rovinate: una per una ragazza morta per droga ed un padre disperato e omicida, l’altra per l’uccisione a fucilate di un figlio 18enne innocente.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome