Decreto del fare, bocciati tutti i progetti dei comuni del Lago d’Iseo

0

Via libera alla prima e maggiore trance da 100 milioni di euro,  del programma dei “6 mila campanili” con la firma del Ministro delle infrastrutture Maurizio Lupi. Si tratta di interventi che dovrebbero essere finalizzati a stimolare la crescita e l’occupazione attraverso opere di modesta entità (tra i 500 mila euro e un milione) nei Comuni sotto i 5 mila abitanti. In Lombardia sono solo 11 i progetti approvati di cui 3 ( Urago d’Oglio,Gargnano e Gambara) nella provincia di Brescia. Sono stati invece bocciati tutti gli interventi sul Lago D’Iseo.

"Il provvedimento nasce purtroppo con obiettivi generici e stile anni ’60 senza criteri oggettivi di valutazione dei progetti. – dichiara Dario Balotta di Legambiente – Ciò  ha fatto si che alcuni comuni anziché mettere al centro interventi prioritari come le ristrutturazioni energetiche degli edifici pubblici, la salvaguardia idrogeologica del territorio o la sicurezza stradale ed i bisogni scolastici e sociali delle comunità locali inviassero al Ministero progetti di dubbia utilità. Come nel caso dell’inutile Maxiparcheggio sotterraneo di Sulzano e del nuovo  spogliatoio del campo di calcio a Montisola. Per Legambiente le priorità di spesa in questi due Comuni dovrebbero essere la messa in sicurezza sismica degli edifici pubblici, l’efficienza energetica nelle scuole, il rinnovo e la manutenzione della rete fognaria, la tutela idrogeologica del territorio,la sicurezza della viabilità urbana e dei pedoni.

Per Balotta è un peccato invee che i progetti di  Marone, Sale Marasino e Paratico siano stati bocciati."Si sono visti bocciare progetti ragionevoli ed in linea con le richieste dei cittadini e con le priorità emerse dal territorio. In questa fase di grave crisi delle finanze pubbliche ogni euro speso dovrebbe avere delle forti motivazioni economiche, sociali e ambientali e non avere più la vecchia logica dei finanziamenti a pioggia che hanno caratterizzato il passato. I soldi pubblici costano ( alti interessi del debito pubblico che pagano i cittadini) e se son spesi male, non contribuiscono nè alla ripresa economica nè al miglioramento della qualità della vita. Marone ha inviato a Roma un progetto per la riqualificazione funzionale ed energetica della scuola primaria che auspichiamo vengano finanziati al prossimo giro (il fondo verrà rifinanziato annualmente), mentre a Monteisola e Sulzano l’invito è quello di modificare i progetti, ora per l’anno prossimo c’è tutto il tempo di progettare  interventi legati a bisogni concreti delle comunità". 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome