Rifiuti sotto l’A4, fermi i lavori per la Tav: servono prima altre indagini ambientali

0

D’intesa tra Comune di Castegnato e Regione Lombardia, si è tenuto ieri a Milano un confronto a più voci sui risultati delle analisi eseguite sulle acque della falda sottostante l’Autostrada A4 in territorio di Castegnato, dove sono stati ritrovati rifiuti industriali nel corso dell’esecuzione di due sottopassi. All’incontro erano presenti il Comune di Castegnato, l’Assessorato Regionale all’Ambiente, Arpa di Brescia, e Lombardia, la Società Itinera e Cepav Due (General Contractor), la Società Autostrade. Assenti perchè impossibilitati a presenziare la Provincia di Brescia e l’Anas.

 

Due, su tutte, le esigenze che si sono confrontate. Da una parte il Comune di Castegnato che vuole conoscere l’estensione della presenza del materiale non conforme, la consistenza del materiale stesso, nonché lo stato sia del terreno, sia delle acque di falda. Dall’altra Cepav Due che ha illustrato la necessità di arrivare in tempi rapidi alla realizzazione dei due previsti sottopassi, previa autorizzazione degli Enti competenti in merito alle modalità di esecuzione delle opere. Gli Enti convenuti hanno preso atto delle esigenze manifestate, precisando che quanto richiesto da Cepav Due è subordinato alla esecuzione di ulteriori indagini ambientali, da svolgersi nel singoli siti interessati dalle opere in corso, ed all’avvio da parte della Società Autostrade di una campagna di accertamenti da estendersi in adiacenza al percorso ricadente sia sul Comune di Castegnato, sia nei comuni confinanti.

Clicca per votare questo post
[Total: 0 Average: 0]

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome