Tangenziale Sud, arriva un nuovo tutor per rilevare la velocità

0

Quando il maltempo si sarà placato sulla tangenziale Sud sarà posizionato un nuovo Tutor per il controllo della velocità. "E’ già nella disponibilità della Provincia di Brescia e dunque si tratta solo di predisporre i collegamenti e le connessioni alla centrale operativa e la gestione dei varchi potrà iniziare la sua attività", spiega il comandante della Polizia Provinciale, Carlo Caromani. Alla base la messa in sicurezza dei punti stradali più pericolosi. Da qui la decisione di collocare sulla tangenziale Sud, tra Brescia centro e Verona le postazioni di controllo delle velocità di media e la registrazione di tutte le targhe in transito per controllare se i veicoli sono in regola con assicurazioni, permessi e altro.  

Clicca per votare questo post
[Total: 0 Average: 0]

Comments

comments

1 COMMENT

  1. quando si e in regola le multe non fioccano!!!!e quelli senza assicurazione,bollo, fermo auto con sequestrononche demolizione in casi gravi.

  2. E’ la volta buona? (o meglio, cattiva) è tipo la quarta volta che leggo questa notizia del tutor in tangenziale negli ultimi due anni…

  3. coprire le buche no ehhh??? costa troppo? dovremmo fare tutti causa ai politici per le ruote rotte e i cerchi storti!!! vergogna

  4. Speriamo che le multe fiocchino come neve. E bella alta, anche d’estate. E’ giustissimo alleggerire il portafoglio e togliere i punti patente agli incivili che non rispettano le regole.

  5. La casse esangui della Provincia si alimentano tanto lautamente con i multanova (decine e decine di milioni di euro l’anno) che le strutture amministrative della Polizia Provinciale non sono più in grado di far fronte fisicamente alla gestione delle sanzioni comminate. Al punto che, sull’altra trafficatissima tangenziale, si sono dovuti in passato temporaneamente ritarare al rialzo le postazioni fisse che rilevano la velocità: dieci o venti chilometri all’ora in più significa meno sanzionati e meno sanzioni da gestire in attesa di smaltire l’arretrato. Roba, come minimo, da rivolta popolare per non andare oltre. Altro che nuovi tutor e messa in sicurezza dei punti stradali più pericolosi: svenare i cittadini e donare altro sangue alla Patria…

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome