Fratellini uccisi a Ono, chiesta la scarcerazione del padre

0

La richiesta è di quelle che fa discutere. E la decisione del Tribunale del Riesame non sarà comunque facile. I giudici, infatti, dovranno decidere se sussistono o meno motivazioni valide per scarcerare Pasquale Iacovone, il papà di Ono San Pietro in cella dal 21 gennaio – dopo sei mesi di terapia nel reparto grandi ustionati dell’Ospedale di Padova – con l’accusa di avere ucciso i suoi bambini, Davide e Andrea, 12 e 9 anni.

A dare la notizia il quotidiano Il Giorno di oggi, con un pezzo a firma di Beatrice Raspa. L’avvocato dell’uomo ha chiesto il trasferimento ai domiciliari in una struttura sanitaria riabilitativa (come l’ospedale Sospiro onlus di Cremona) sostenendo che “nessun carcere mette a disposizione cure altamente specialistiche come quelle necessarie per Iacovone” perché le condizioni di Iacovone continuano ad essere “precarie” (mentre per il Pm l’uomo ha recuperato un’autonomia del 90%).

Il 41enne, secondo l’accusa, ha pianificato l’eliminazione dei figli per attuare l’estrema vendetta nei confronti della ex moglie, con cui era in corso una burrascosa separazione: li avrebbe prima soffocati e poi cosparso i corpi di benzina per cospargersi di liquido infiammabile e darsi fuoco. Mentre Iacovone, durante l’interrogatorio di garanzia, ha ripetuto di non ricordare nulla della mattina del 16 luglio.

Clicca per votare questo post
[Total: 0 Average: 0]

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Ma questa notizia è veramente SCONCERTANTE !!! Ma che giustizia c’è in questo Paese ??? Un padre uccide i suoi due bambini e dopo un anno gli avvocati ne richiedono la scarcerazione !!! Io non ho parole !!!

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome