Le associazioni bresciane ricordano i desaparecidos

0

Ipsia Brescia Onlus, Medicus Mundi, Scaip, Centro Missionario Diocesano, Punto Missione Onlus, Fondazione Piccini, Associazione Volver, Fondazione Sipec, Fondazione Tovini, Svi e Teatro Telaio, con il Patrocinio della Consulta per la cooperazione e la Pace del Comune di Brescia e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Rezzato ricordano la tragedia dei desaparecidos, i «dissidenti» scomparsi durante la dittatura argentina tra il 1976 e il 1983. Le associazioni, tutte impegnate in attività di cooperazione internazionale, si uniscono per non dimenticare una pagina buia della storia sudamericana e per ribadire un impegno corale a favore dei diritti umani sempre e comunque.

La rete di associazioni e fondazioni propone lo spettacolo: PIU’ DI MILLE GIOVEDì, la storia delle Madres de Plaza de Mayo. In Argentina, dal 1976 al 1983, scomparvero 30.000 persone, 15.000 vennero fucilate nelle strade e un milione e mezzo furono costrette all’esilio. Centinaia di bambini rapiti dai militari vengono ancora cercati dalle Abuelas di Plaza de Mayo.

Crudele è il dramma di queste donne d’Argentina a cui sono stati strappati figli che non sono mai più riapparsi, che non hanno lasciato traccia, un segno, un corpo, una tomba su cui piangere. Sulla base del testo coraggioso di Massimo Carlotto, è stato realizzato un monologo di forte impatto emotivo.

La vicenda è quella di una madre, ma è emblematica del dramma di tutte le Madres di Plaza de Mayo, perché ciascuna di esse è madre di tutti i desaparecidos.

Martedì 11 febbraio, ore 21.00
Brescia, Auditorium Bettinzoli
Ingresso Euro 5,00

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome