14mila metri quadrati di area comunale in vendita: cittadini di Gambara temono la centrale a biogas

0

Un nuovo fronte anti-biogas è aperto in provincia. Dopo i timori dei mesi scorsi, mai scongiurati dall’amministrazione comunale di Gambara, nella Bassa Bresciana, un documento ufficiale di avviso di asta pubblica sul sito internet dell’ente fa tremare i polsi dei cittadini e delle minoranze che si oppongono alla realizzazione di una centrale a biogas nel territorio del Corvione.

Tutto è partito lo scorso novembre, quando il Consiglio Comunale del paese bassaiolo approvò la variante che consente la realizzazione di edifici produttivi e "impianti tecnologici per la produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili, siano di tipo fotovoltaico o siano di tipo biogas, destinazioni integrate con le norme tecniche di attuazione del piano degli insediamenti produttivi". Già allora i cittadini e l’opposizione consigliare di centrosinistra, appoggiati dal Movimento 5 Stelle che ha anche attivato una raccolta firme, temettero che la variante potesse essere la premessa per l’autorizzazione della costruzione di una centrale a biogas per bruciare la pollina dei tanti allevamenti avicoli della zona. Due giorni fa sul sito del comune (http://www.comune.gambara.bs.it/portal/page/portal/gambara) è apparso l’avviso per la cessione del diritto di superficie dell’area del Corvione, 14mila metri quadrati che si danno in concessione per 25anni. Il passo decisivo verso la centrale? I timori sono quelli.
(a.c.)

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

1 COMMENT

  1. basta con ste impianti, e non solo perchè inquinano, ma soprattutto perchè svenano i cittadini con i contributi statali = mega bollette elettriche per i piccoli consumatori privati che devono mantenere questi speculatori!!!!

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome