Bracconaggio, quasi un reato su dieci in Italia è bresciano

0

Quasi un reato su dieci legato al bracconaggio è commesso nelle valli bresciane. Ad affermarlo è un’indagine di il Cabs (Committee Against Bird Slaughter) e Lega per l’Abolizione della Caccia, che ha preso in esame 548 casi di reati compiuti ai danni della fauna selvatica pubblicati dai giornali. Un campione non certo scientifico, ma comunque utile per rivelare le tendenze. Le specie più colpite sono gli uccelli (70% contro il 30 dei mammiferi). E Brescia è la maglia nera della classifica, con l’8 per cento del totale dei casi. Seguono: Salerno con il 7% e Caserta, Bergamo e Reggio Calabria (tutte al 5%).

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Queste statistiche mi fa solo pensare che come al solito quà al nord si applica la legge e sopratutto le sanzioni, mentre al sud…..

  2. QUESTE STATISTICHE DIMOSTRANO A A BRESCIA, TUTTI SI RIEMPIONO LA BOCCA D’ AMORE PER GLI ANIMALI MA QUANDO SI MANGIA POLENTA E OSEI, SPIEDO O CAPRIOLO IN SALMI’ NESSUNO DI LORO SI TIRA INDIETRO. E SICCOME NEL PIATTO NON CI FINISCONO DA SOLI….. E MANGIARE PASSERI TUNISINI NON PIACE A NESSUNO….

  3. Scusate …. ma gli animali se non li mangi a cosa servono? Io penso che se si farebbe qualche spiedo inpiu …i danni all’agricoltura sarebbero minori. penso anche che definire BRACCONIERE UN ONESTO CITTADINO CHE MANTIENE L’EQUILIBRIO NATURALE NEI BOSCHI SIA DA CRIMINALI ….ANZI ANDREBBE PREMIATO.

  4. Ma io mi chiedo piuttosto l’ opinionista SPIEDO se non lo deridi a cosa serve? Io penso che se studiasse un po’ di più il congiuntivo, i danni alla grammatica italiana sarebbero minori. Penso anche che definire opinionista un onesto cittadino che mantiene il livello naturale di ignoranza nell’ ambiente venatorio padano sia da criminali…anzi andrebbe incentivato…allo studio

  5. giusto spiedo….quando si mettevano piu’ archetti e reti,le montagne con relativi sentieri erano tutte pulite,quando vi erano piu’capanni,gli alberi e prati erano puliti e rigogliosi!!!!!!benc he’ ne dicano gli animalisti(quante volte li avete visti pulire qualche prato,fiume,bosco??? ???)

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome