Sciopero Eni: da stasera a venerdì distributori chiusi

0

I distributori Eni/Agip rimarranno chiusi per due giorni lavorativi interi.  E’ quanto ha confermato ieri la riunione Confesercenti, che si è tenuta in via Salgari. Lo sciopero inizierà alle 19 di oggi per concludersi alle 7 di venerdì 7 marzo. I proprietari delle aree di servizio si lamentano per il comportamento dell’azienda Eni:  “L’azienda ha interrotto il confronto senza motivo – ha spiegato Patrizia Sbardolini,  presidente provinciale della Faib, sulle pagine del Giornale di Brescia – e si è arroccata sulle proprie posizioni, senza offrire soluzioni accettabili su questioni di natura economica e non solo”.

“Dobbiamo capire che è il momento di fare squadra, mostrandosi realmente uniti. – aggiunge la Sbardolini – I costi di gestione non possono essere superiori ai guadagni. L’Eni ha perso il 7% della quota di mercato passando dal 34 al 27%, ma nessuno paga mai: gli unici che ci rimettono sono sempre i gestori. Perché abbiamo lottato a lungo per mantenere almeno il margine di guadagno a 36 millesimi al litro, se poi molti hanno firmato accordi singoli che fanno addirittura perdere il 30% di questo guadagno? Dobbiamo imparare a dire di no ed a farlo in maniera seria. Abbiamo sempre chiesto all’azienda di ridurre costi interni che si sono triplicati nell’ultimo quinquennio, pretendiamo che gli sconti siano a carico della compagnia, che non ci siano differenze evidenti tra rivendite dello stesso marchio e che ci sia un ritorno al vecchio modo di svolgere il lavoro, quello che prevede il contatto con il pubblico e non le gestioni fantasma".

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome