Tre tecnici della Marzoli di Palazzolo indagati per spionaggio industriale con la Cina

4

Non si tratta di semplici indiscrezioni, la Procura di Brescia ha aperto un fascicolo a carico di tre persone. La vicenda sta assumendo sempre più i tratti di una storia di spionaggio internazionale. Al centro di tutto ci sono disegni industriali, progetti e informazioni tecniche che quattro dipendenti della Marzoli di Palazzolo, azienda del gruppo Camozzi, avrebbero passato, o tentato di passare, ad un’azienda concorrente cinese che opera anche in Italia.

Il caso è spiegato stamane sulle colonne di Bresciaoggi. A quanto si sarebbe appreso (non tramite la dirigenza della Marzoli, che a tal proprosito ha preferito non rilasciare dichiarazioni ufficiali), qualcuno avrebbe sentito quattro dipendenti discutere della questione durante la pausa mensa. L’indagine interna ha portato a conoscenza dell’offerta ricevuta dai quattro tecnici per passare alle dipendenze della concorrenza cinese, portando oltre alla loro esperienza anche i disegni delle macchine tessili per le quali la Marzoli è famosa in tutto il mondo.

Lo scorso 20 febbraio i quattro sono stati cautelativamente sospesi, e l’ufficio legale della Camozzi si è rivolto alla Procura che la scorsa settimana ha aperto il fascicolo a carico di tre dei quattro.
(a.c.) 

close
La newsletter di BsNews prevede l'invio di notizie su Brescia e provincia, sulle attività del sito e sui partner. Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy, che trovi in fondo alla home page.

Comments

comments

4 Commenti

  1. Ma bravi i furbetti ,…per un pugno di €uro mettono a rischio l’attività industriale centenaria , oltre al fatto che a farne le spese sono i 180 dipendenti !!
    E questi avevano tutta la fiducia di Camozzi , ..adesso cercatevi un’altro lavoro !!

  2. DI sicuro no. E perché mai, visto che tra l’altro lo spionaggio danneggia sia i proprietari ma anche i lavoratori.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome